Informazioni sull'accessibilitàPassare al contenuto principale

Scoprite i nostri vini più esclusivi

Se trovate questo simbolo nella lista dei vini in First Class, siete fortunati. Avete trovato uno dei vini più rari e speciali della nostra collezione di Bordeaux. I vini della Emirates Vintage Collection vengono affinati fino a 15 anni nelle nostre cantine prima di essere serviti a bordo. Durante tutto l'anno alcune di queste annate speciali vengono servite su rotte selezionate: cercatele sul vostro prossimo volo per le Americhe, Europa, Estremo Oriente e Australasia.

Château La Mission Haut-Brion 2004

Già presente a bordo lo scorso anno con l'annata 1996, questo vino del 2004 de La Mission Haut-Brion è la seconda annata che serviamo a bordo. Situata presso la periferia di Bordeaux, di fronte alla proprietà gemella di Château Haut-Brion, La Mission è stata acquistata nel 1983 da Domaine Clarence Dillon. Con il suo sangue blu (il presidente dell'azienda è il principe Robert del Lussemburgo) e sette punteggi perfetti da 100 punti assegnati dall'acclamato critico enologo Robert Parker, questo vino è la quintessenza della nobiltà.

L'annata 2004 è caratterizzata da ricchi aromi di ribes nero, amarene, tabacco e trucioli. Al palato si presenta elegante e dal corpo medio, con note di sottobosco e un accenno di capsicum sul finale croccante.

Château Montrose 2005

Con quella del 2005, sono quattro le annate di Montrose che abbiamo servito a bordo negli ultimi 10 anni. Uno tra i competitor più validi per la promozione a First Growth, questa produzione leader della denominazione Saint-Estèphe è di proprietà di Martin e Olivier Bouygues dal 2006. La cantina è sita sul lato orientale di un poggio di ghiaia esposto al sole, a soli 800 metri dall'estuario della Gironda, che ne garantisce la protezione dalle gelate.

Quest'annata 2005 coniuga frutti rossi con note di cedro, grafite e toni floreali e presenta un corpo medio e fermo con sentori di foglie secche e di erba che arricchiscono la controparte fruttata. Il finale è lungo e complesso.

Château Léoville Las Cases 1998

Questa è la terza annata del Grand Vin prodotto in questa tenuta che serviamo a bordo. Se avete viaggiato nella nostra First Class nel 2017, forse ricorderete di aver bevuto l'annata 1989 sulle rotte verso il Nord e il Sud America e il Regno Unito.

Delle tre proprietà un tempo parte integrante della tenuta Leoville, fondata nel XVII secolo, il castello è quella più ad alto profilo. Sotto la direzione di Michel Delon, i vini prodotti in azienda hanno raggiunto il livello di qualità dei First Growths, ed è uno dei principali gruppi di Second Growth Chateaux noti come "super-secondi".

L'annata 1998 presenta aromi di lampone nero, ciliegia disidratata, prugna secca e fumo di legna. Di media corposità e ben strutturato, le sue note di tabacco e di foglie secche aggiungono complessità a questo vino.

Château Cos d’Estournel 2005

Negli ultimi cinque anni abbiamo servito non solo il Grand Vin di questa tenuta, ma anche il vino bianco e il secondo vino più famoso, Les Pagodes de Cos. Per molti anni acclamato come uno dei primi dieci vini dell'annata, Cos si è guadagnato lo status di Second Growth della storica classificazione del 1855 del Médoc. L'azienda produce alcune tra le migliori uve di Cabernet di Bordeaux, che compongono il 60% circa di questo uvaggio, e il terreno argilloso permette la produzione di alcuni Merlot, conferendo al vino un carattere voluttuoso.

L'annata 2005 presenta aromi di crème de cassis, amarena, viola e spezie esotiche. Al palato è corposo e ricco di aromi concentrati di frutta nera, con tannini densi e maturi e un finale estremamente lungo.

Château Margaux 2004

La nostra storia con il Chateau Margaux inizia nel 2008, anno in cui abbiamo servito l'annata 1982 durante il volo inaugurale dell'A380 con destinazione New York. La "Versailles dei Médoc" produce alcuni tra i migliori vini degli ultimi tempi. Dopo aver acquistato la proprietà nel 1977, Andre Mentzelopoulos ne ha migliorato le colture nell'arco di qualche anno. Dopo la sua morte, nel 1980 il testimone passò alla figlia Corinne e da allora gli investimenti fatti hanno contribuito a migliorare la qualità di questo vino, annata dopo annata.

Il 2004 presenta note pure di lampone, ribes rosso e tabacchiera con una sfumatura di grafite. Di corpo medio e ben bilanciato, i tannini morbidi sono coperti dai frutti rossi con un cenno di buccia d'arancia nel finale persistente.

Château Mouton Rothschild 2004

Decenni di lobby vinicola del Barone Philippe de Rothschild hanno prodotto un vino eccezionale, elevato infine allo stato di First Growth dopo essere stato escluso dalla classificazione nel 1855. E a ragion veduta: è considerato uno dei vini migliori al mondo. Ogni anno l'etichetta ospita un artista diverso: per festeggiare i 100 anni dell'Entente Cordiale è stato selezionato un dipinto del principe Carlo. L'anno scorso abbiamo avuto il piacere di servirvi a bordo l'annata 2001, che presentava un'etichetta con un'opera della baronessa Philippine de Rothschild, all'epoca proprietaria dell'azienda.

L'annata 2004 ha un naso potente di ribes nero, torta alla frutta, cedro e pane tostato. Al palato ha un corpo medio, con tannini decisi e sentori di sottobosco che completano gli aromi di frutta speziata.

Alla scoperta delle regioni vinicole di tutto il mondo

Viaggiate con noi verso le migliori destinazioni vinicole e scoprite il vostro prossimo calice preferito tra le etichette del Vecchio e del Nuovo Mondo.

I prodotti e i servizi presentati su questo sito possono variare a seconda della struttura dell'aeromobile. Il tipo di velivolo utilizzato può anche essere soggetto a cambiamenti dell'ultimo minuto dovuti a necessità operative.