Informazioni sull'accessibilitàPassare al contenuto principale

Amir Mohamed Al Jesmi

Quando sei entrato a far parte di Emirates?

Nell'ottobre del 2005, come tirocinante dell'Aircraft Engineering Programme. Attualmente lavoro nella nostra innovativa officina di revisione di centrali elettriche, presso l'Emirates Engine Maintenance Center (EEMC).

Cosa ti ha spinto a intraprendere una carriera nell'ingegneria aeronautica?

Mi è sempre piaciuto aggiustare le cose e capire come funzionassero, in particolare gli aerei. Diventare ingegnere mi è venuto spontaneo.

Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni finora?

Ho guidato il team che ha smontato e riassemblato un motore GP7200 nel 2015. Ha superato tutti i test ed è diventato il primo GP7200 revisionato con successo nella regione. Ho fatto anche parte del team che ha riparato un Boeing 777-200LR. Il suo motore ha preso fuoco mentre volava verso l'Aeroporto Internazionale di Boston Logan nel 2014. Abbiamo lavorato 24 ore su 24 per sostituire il motore, e lo abbiamo fatto nel minor tempo possibile per essere in una stazione, con risorse limitate, piogge torrenziali e venti forti.

Quali sono le tue sfide sul lavoro?

Ogni giorno ci sono sempre nuove sfide, e questa è una delle cose migliori dell'EEMC. La routine non esiste. Una delle sfide più grandi è il progetto di digitalizzazione che stiamo sviluppando, volto a eliminare completamente l'utilizzo della carta per una digitalizzazione di tutte le nostre attività. Cambiare le procedure non è un processo semplice, ma per noi la digitalizzazione è fondamentale. La sfida consiste nel creare un'interfaccia intuitiva e funzionale. Questo progetto ci permetterà di aumentare l'efficienza, gestire al meglio le risorse e migliorare le nostre strutture.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Mi piacciono gli sport d'acqua e quelli estremi, e negli EAU c'è solo l'imbarazzo della scelta. In estate, mi piace volare con il parapendio sulla spiaggia di Umm al-Quwain. Adoro anche guidare i catamarani. Mi piace mantenermi in forma e ho da poco iniziato a praticare jiu-jitsu brasiliano. È un'arte marziale che comporta velocità e abilità.

Camilla Olsen

Quando sei entrata a far parte di Emirates?

Sono entrata a far parte di Emirates SkyCargo a Copenhagen (CPH) come Supervisore Cargo nel dicembre del 2011. A settembre del 2015 sono stata poi trasferita a Dubai, dove sono entrata a far parte del team Emirates SkyCargo Freighter.

Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni?

Il Najm Chairman's Award, ottenuto nel 2013, è in assoluto la mia soddisfazione più grande, un premio ricevuto per il ruolo che ho svolto nel garantire le regolari operazioni di carico, a rischio a causa di un problema di assistenza a terra. È stato per me un onore ricevere il premio dalla direzione del Gruppo. Quando ero a Copenhagen, le nostre operazioni, che inizialmente erano 2 a settimana, sono diventate 15. È stato incredibile essere parte integrante di questa crescita. Da quando sono a Dubai, ho avuto il privilegio di partecipare ad alcuni dei nostri trasporti cargo più importanti. Ho fatto parte del team che ha trasportato ben 424 cavalli in Brasile in occasione delle Olimpiadi Rio 2016 e più di 1,8 milioni di vaccini da Milano a Belo Horizonte in Brasile. Di recente ho coordinato il nostro più grande charter con oltre 500 cavalli da competizione in occasione dei Campionati mondiali di equitazione 2018 negli Stati Uniti (vedi Safar 9 agosto). Ho partecipato anche al trasporto del KhalifaSat da Dubai a Incheon in Corea. Sono orgogliosa di aver avuto un ruolo nella gestione di questo viaggio, perché il suo lancio a ottobre rappresenterà una pietra miliare per gli Emirati Arabi Uniti.

Quali sono i tuoi incarichi?

Lavoro principalmente nel nostro dipartimento Charter, dove garantiamo attività sempre nuove per le nostre operazioni di trasporto merci e passeggeri. Il mio ruolo implica una stretta comunicazione con i nostri clienti e un coordinamento coerente con i nostri team commerciali e operativi a Dubai, nonché con i nostri numerosi team delle altre stazioni. Le operazioni charter di solito gestiscono il trasporto di merci urgenti, fragili o che richiedono trasporti specifici. Offriamo charter parziali e completi che richiedono un trasporto separato a causa del volume o del peso della merce. La domanda dei nostri charter dipende dalle operazioni quotidiane, dalla disponibilità e dalla capacità degli aeromobili sul mercato. I charter sono spesso prenotati all'ultimo minuto in caso di richieste urgenti, ma a volte vengono prenotati con largo anticipo affinché i clienti possano assicurarsi la disponibilità durante i periodi di punta. È fondamentale essere reattivi, flessibili e aperti a nuove opportunità ogni giorno.

Cosa ti piace del tuo lavoro?

Sono orgogliosa del nostro lavoro, perché con i nostri charter contribuiamo al successo del Gruppo. Adoro il ritmo dinamico del mio lavoro e le sfide di ogni giorno; mi aiutano a restare concentrata e mi permettono di imparare cose nuove e sviluppare le mie capacità. Mi piace anche la versatilità dell'incarico che ricopro, perché ho sempre tante opportunità da cogliere.

Quali sono alcune delle sfide che devi affrontare sul lavoro e come le affronti?

Ogni giorno affronto sfide sempre nuove. La gestione dei charter può essere influenzata da vincoli operativi, condizioni meteorologiche e questioni di natura politica, commerciale ed economica. È difficile prevedere come andrà a finire la giornata. Credo che ogni lavoro implichi delle sfide, e il risultato dipende da come scegli di affrontarle. Noi siamo un team coeso, sempre pronto a trovare le soluzioni migliori per raggiungere i nostri obiettivi.

Raccontaci di un episodio memorabile.

Una volta avevamo contemporaneamente tre cargo a terra a Copenaghen: uno era diretto negli Stati Uniti e due dovevano ritornare a Dubai. Essendo una situazione decisamente insolita per la stazione di CPH, era necessario che tutti noi fossimo perfettamente coordinati. Grazie a un incredibile lavoro di squadra, siamo riusciti a far partire tutti i carichi in tempo. Ricorderò per sempre lo spirito di squadra di quel giorno. Da quando sono entrata a far parte del team di Dubai, il mio ruolo si è spostato sul settore commerciale e di pianificazione, ma continuo a utilizzare e condividere con i miei colleghi le competenze acquisite sul campo.

Se non ti occupassi delle operazioni di trasporto, cosa vorresti fare?

Ho sempre voluto lavorare nel settore della logistica, sin da quando ero ragazza. Ho iniziato la mia carriera nel settore dell'aviazione all'età di 19 anni, quando sono entrata a far parte di una compagnia di spedizioni, e da allora ho maturato oltre 18 anni di esperienza. Sono felice di lavorare nel settore dell'aviazione, un settore in continua evoluzione.

Cosa fai per rilassarti?

Vado in palestra alcuni giorni a settimana. Fare sport mi aiuta a liberare la mente. Dopo un buon allenamento torno a casa rilassata e rigenerata. Durante il fine settimana puoi trovarmi con un libro a bordo piscina o a scoprire, insieme ai miei amici, uno dei tanti posti fantastici degli EAU. Adoro viaggiare ed esplorare il mondo... la mia lista di posti da visitare aumenta di giorno in giorno!

Casey Pottorff

Quando sei entrato a far parte di Emirates?

Sono entrato a far parte di Emirates il 19 novembre del 2017. E mi considero ancora un novellino!

Quali sono i tuoi compiti come Responsabile della formazione medica?

Faccio parte del Group Medical Training (GMT) e sono responsabile della formazione medica dell'equipaggio, sia iniziale che con cadenza annuale. Mi occupo della formazione di circa 250-300 colleghi al mese. Ogni giorno vengono organizzati fino a sei gruppi di formazione per l'equipaggio di bordo, con circa 20 colleghi per gruppo. La formazione comprende il sostegno di base alle funzioni vitali e le tecniche di primo soccorso legate all'aviazione, fondamentali per consentire all'equipaggio di affrontare qualsiasi emergenza sanitaria a bordo. Effettuiamo anche diversi corsi di formazione medica per membri dell'equipaggio e piloti senior, che includono l'utilizzo di kit e attrezzature mediche a bordo. Oltre a lavorare con l'equipaggio, GMT si occupa di formare tutti i soccorritori a terra all'interno del Gruppo.

Che cosa ti piace del tuo lavoro?

Adoro il team di professionisti con cui lavoro ogni giorno. Sono una grande risorsa e rendono il mio lavoro interessante e divertente. Nonostante sia entrato di recente a far parte della squadra, mi hanno subito accolto con piacere nella famiglia GMT. Mi piace anche lavorare con i colleghi dell'equipaggio di bordo. Durante il corso di formazione mi raccontano del loro background e delle interessanti esperienze di viaggio che hanno vissuto. Con il mio lavoro, ho anche l'opportunità di fare volontariato con GMT come addetto al pronto soccorso al Dubai Rugby Sevens di novembre.

Raccontaci di qualche episodio divertente che ti è capitato sul lavoro.

Una delle cose che amo del gruppo GMT è l'unione di così tante culture, lingue e background... un mix che rende tutto più divertente. Durante una delle ultime sessioni di formazione, ho guardato l'orologio alle 12:10 e ho chiesto al gruppo di tirocinanti di tornare dalla loro pausa a "twenty to" (cioè alle 12:40). Tutti i tirocinanti hanno fatto una pausa brevissima e sono tornati in classe 12 minuti dopo. Avevano capito che avessi detto di tornare alle 12:22! È stato un momento divertente, ma che mi ha anche aperto gli occhi. Questi episodi sono l'occasione per sviluppare una mentalità più aperta e attenta nei confronti delle persone di altre culture. Continuando a lavorare con loro, spero di diventare un grande comunicatore in futuro.

Se non lavorassi nel settore medico, cosa ti piacerebbe fare?

Uno dei miei sogni nel cassetto è quello di acquistare e gestire una pensione o un b&b in una bella zona. Come l'hotel del film Mamma Mia. Zanzibar sarebbe la location perfetta, ma mi andrebbe bene qualsiasi posto con tradizioni, sole e relax. Vivere in un posto meraviglioso e ospitare gente da tutto il mondo... cosa c'è di meglio?

Cosa fai per rilassarti?

Vivo ad Al Ain, quindi se non fa troppo caldo mi piace stare all'aria aperta, giocare a Ultimate Frisbee in uno dei parchi in città o fare un barbecue nel deserto. Mi piace passare del tempo con famiglia e amici, e organizzare brunch e cene tutti insieme. Sto anche provando a migliorare la mia forma fisica. Ho abolito gli ascensori e uso quasi sempre le scale durante la giornata. Ogni mattina prendo un caffè con i miei colleghi al bar su al settimo piano. L'ufficio GMT è al quarto piano e le lezioni si svolgono al settimo piano. Fare continuamente su e giù è come salire circa 30 rampe di scale al giorno. Alcuni colleghi si sono uniti a questa "sfida delle scale" – più siamo e meglio è!

Che posti ti piace visitare?

Mi piacciono molto i viaggi che faccio per lavoro. Adoro tornare a casa dalla mia famiglia negli Stati Uniti. Da quando sono entrato a far parte di Emirates, ho visitato Città del Capo e Praga. Mi sono piaciute entrambe. A ottobre andrò a Taiwan da alcuni amici. Ma i luoghi in cui vivono i miei cari restano le mie mete preferite.

Darryn Janse Van Vuuren

Quali sono le tue responsabilità?

Gestisco il team Safari Operations, che include tutti coloro che contribuiscono allo svolgimento delle nostre avventure nel deserto - dai supervisori sul campo, che controllano le escursioni nel deserto e le attività di safari, agli stallieri che addestrano i cammelli per le partite di polo.

Quali sono state le tue migliori soddisfazioni finora?

Sono entrato a far parte di Arabian Adventures a marzo del 2016 e da allora ho contribuito a formare la nostra squadra dedicata ai safari. Ho inoltre sviluppato il nostro manuale di training relativo a fauna e flora, utilizzato dal Dubai Department of Tourism and Commerce Marketing per tutte le guide dei safari con partenza da Dubai.

Quali sono le sfide che devi affrontare sul lavoro?

Ogni giorno è diverso da tutti gli altri, con sfide sempre nuove da affrontare. Ci occupiamo di cancellazioni dell'ultimo minuto, guasti dei veicoli e condizioni meteorologiche avverse come tempeste di sabbia e temperature troppo elevate. Ma non gestisco il tutto da solo. Posso contare su un team fantastico e una grande struttura di supporto che ci assicura uno svolgimento delle operazioni sicuro ed efficiente.

Che cosa ti piace del tuo lavoro?

Mi piace mostrare alle persone un lato diverso di Dubai. Al di là dei grattacieli, gli hotel di lusso e gli ultramoderni centri commerciali c'è un altro mondo, selvaggio, meraviglioso e tutto da scoprire. Adoro mostrare le bellezze naturali degli Emirati Arabi Uniti. Il deserto, la fauna selvatica e la cultura sono davvero unici qui. È davvero emozionante veder crescere le guide del mio team, esperienza dopo esperienza. Le guide vengono formate per individuare e tenere traccia delle impronte degli animali; le persone apprezzano molto le conoscenze locali, per vivere un safari autentico.

Quali sono alcune delle migliori attività all'aperto che gli Emirati Arabi Uniti hanno da offrire?

La mia preferita è l'escursione in buggy. Abbiamo questi buggy fuoristrada che possono andare ovunque e prendere persino velocità: sono molto divertenti! Inoltre consiglio: Il Dubai Desert Conservation Reserve per un safari nel deserto, trekking sui cammelli e campeggio notturno di lusso; le montagne di Hatta per percorsi in mountain bike, dirt bike ed escursioni a piedi; una visita a Lisaili per provare l'ebrezza del dune biking; il sito archeologico di Mleiha tra grotte, tombe e un incredibile museo; jet ski intorno alle Palm Islands. E se si è alla ricerca di qualcosa di veramente unico, basta unirsi a noi per un giro notturno alla scoperta delle bellezze naturali. Si tratta di un viaggio nel deserto di notte, con l'opportunità di vedere l'orice d'Arabia, la volpe rossa e la lepre del deserto nel loro habitat naturale.

Se non ti dedicassi ai safari, cosa ti piacerebbe fare?

Ho sempre desiderato lavorare all'aperto. Quando vivevo in Africa, il mio paese, ero un game ranger. Se non mi occupassi dei safari a Dubai, tornerei in Africa a fare di nuovo il game ranger.

Cosa fai per rilassarti?

Un po' di palestra mi aiuta a rilassarmi. Mi piace uscire la sera dopo il lavoro. Il sabato faccio una lezione di boxe per provare qualcosa di diverso. Credo che un'alimentazione corretta sia il segreto per mantenersi in forma. Se mangi sano, il gioco è fatto!

Jason Sidhu

Quando sei entrato a far parte di Emirates?

Sono entrato a far parte di Emirates a maggio del 2007, come Addetto al Servizio Clienti. Ho lavorato poi presso la Biglietteria di Melbourne dal 2011. Nel 2016 sono entrato a far parte del Team Vendite come Assistente di Supporto alle vendite.

Quali sono i tuoi incarichi?

Il mio lavoro consiste nel supportare i miei colleghi nelle vendite di Melbourne, con particolare riferimento ai prodotti e servizi Emirates nel mercato locale. Mi occupo principalmente dell'organizzazione di viaggi di gruppo da Victoria e dalla Tasmania, con un focus su varie tipologie di viaggi, tra cui MICE (incontri, incentivi, conferenze e mostre), pellegrinaggi e tour educativi. Ho anche avuto la fortuna di supportare il team in occasione degli expo e di eventi sponsorizzati da Emirates, tra cui una performance della Melbourne Symphony Orchestra e il torneo di tennis Australian Open.

Quali sono stati finora gli aspetti e i momenti più belli del tuo lavoro?

Le opportunità che ho ricevuto, le amicizie che si sono create e la mia crescita personale e professionale. Detto questo, il mio viaggio con Emirates negli ultimi 11 anni è stato ricco di momenti speciali. È stata una grande soddisfazione vincere, a novembre, il Chairman's Award for Sales Excellence, come miglior supporto alle vendite per il 2017-18. Un premio ottenuto per aver supportato il team di Melbourne e contribuito a generare un aumento delle entrate del 2,5%. Ho anche aiutato il team ad acquisire un importante gruppo di un progetto educativo, che ha contribuito con 1,06 milioni di AUD alle entrate del team, registrando una crescita del 525% rispetto all'anno finanziario precedente. Inoltre, ho contribuito alla crescita dei nostri viaggi Hajj, registrando un aumento dell'11,85% rispetto all'anno finanziario precedente.

Quali sono le sfide che devi affrontare sul lavoro?

Ogni giorno ci sono opportunità sempre nuove, ed è questo il bello di lavorare con Emirates. La routine non esiste. Una delle maggiori sfide riguarda la concorrenza. La competizione è dura e i competitor sono molti. Per rimanere sempre aggiornato, seguo attivamente i nostri competitor e i prezzi di mercato.

Cosa ti piace del tuo lavoro?

Adoro far parte della famiglia Emirates. Ogni giorno c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare. I miei colleghi rendono il lavoro divertente e i manager sono fantastici. Il ritmo frenetico, la crescita costante e le opportunità di trovare nuovi clienti sono gli altri aspetti che amo di più.

Quali sono gli episodi che ricordi con piacere?

Accogliere i nostri clienti agli Australian Open 2012 è stata un'esperienza straordinaria e anche a loro è piaciuta molto. La ciliegina sulla torta è stata assistere alle partite di Rafael Nadal e Novak Djokovic, due leggende del tennis.

Cosa fai per rilassarti?

Faccio crossfit quattro volte a settimana. L'esercizio fisico libera la mente e stimola la mia creatività. Nei miei giorni liberi mi trovi in palestra o a fare una corsetta sulla battigia di Melbourne. Adoro il buon cibo e mi piace scoprire i ristoranti migliori in città. Mi piace andare a cena fuori con gli amici e ascoltare musica a fine giornata.

John Bateson

Quando sei entrato a far parte di Emirates?

Nel luglio del 2011. Ho iniziato con Image and Uniform Training, per poi passare agli Standard Uniformi nel 2015.

Il tuo lavoro, Specialista Standard Uniformi, non è molto comune. Quali sono le tue responsabilità?

Mi occupo di fornire consulenza e supporto per il benessere dell'equipaggio e di impostare programmi dedicati a: sonno, alimentazione, attività e gestione dello stress. Organizzo seminari, iniziative e campagne dedicate agli aspetti più importanti della salute e del benessere per i colleghi dell'equipaggio. Collaboro inoltre con altri dipartimenti, tra cui Emirates Clinic e Employee Assistance Programme (EAP), per garantire all'equipaggio un supporto completo. Ogni giorno organizzo incontri con l'equipaggio, per offrire soluzioni adatte alle loro esigenze e aiutarli a fissare obiettivi a breve e lungo termine per uno stile di vita salutare. I referral arrivano da manager, membri dell'equipaggio e servizi di supporto come la clinica o EAP. Alcuni membri dell'equipaggio richiedono anche incontri individuali per migliorare altri aspetti del loro stile di vita.

Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni finora?

Ho avuto il privilegio di ricevere alcuni Najm per il mio operato. Tra questi, ne ho ricevuto uno per aver organizzato una campagna benessere alle Partenze nel 2012, con Dawn Robertson e i colleghi di fitness e alimentazione. Da quel momento, ne ho ricevuti altri tre: a gennaio 2015, per aver supportato un evento Group Learning & Development dedicato al benessere, in cui ho organizzato sessioni individuali per i colleghi; nell'aprile del 2013, per la creazione di video di formazione per diversi stili di capelli in Image & Uniform; l'ultimo, nel 2017, per avere creato una campagna gli Arrivi dell'equipaggio EGHQ in cui abbiamo invitato alcune aziende che realizzano prodotti per la cura della persona, per interagire con l'equipaggio e fornire informazioni utili per uno stile di vita sano. Siamo stati anche invitati a partecipare a una campagna di sensibilizzazione sulla quantità di zucchero presente in alcune bevande e fornire una guida nutrizionale. Mi piace inoltre aiutare ogni giorno le persone a migliorare il loro stile di vita, fornendo utili consigli per mantenersi energici e in forma.

Raccontaci delle tue sfide sul lavoro.

Lavoro con colleghi di diverse culture; questo significa che le scelte alimentari e la percezione del benessere possono variare da persona a persona. Per esempio, in alcune culture è normale consumare un pasto abbondante alla fine della giornata per stare insieme alla famiglia. Quando una persona cresciuta in questo ambiente viene a Dubai, magari conserva l'abitudine di cenare in tarda serata, ma invece di un pasto sano e preparato a casa, mangia junk food mentre guarda la TV, spesso da solo, perdendo quelle interazioni sociali che aiutano a ridurre lo stress. I pasti ricchi di calorie possono portare ad un aumento di peso, mancanza di energie e altri problemi di salute. Il nuovo equipaggio spesso fa fatica ad abituarsi ai ritmi di vita legati al proprio lavoro. E in più, l'eccitazione data dalla scoperta di nuove città, tour e cibi sempre nuovi può portare a cambiamenti importanti nel loro stile di vita. Aiuto i colleghi a comprendere il modo in cui queste attività possono influenzare la loro salute, fornendo loro suggerimenti per uno stile di vita sano e senza stress.

Quali sono i tuoi ricordi migliori sul lavoro?

I migliori li ricollego alla Dubai Fitness Challenge (DFC) nel 2017. Con l'inizio della sfida 30X30, ho pubblicato ogni giorno un breve video su Yammer per incoraggiare le persone a provare diversi esercizi. Inoltre, ogni giorno, durante la sfida di un mese, Dawn e io abbiamo incoraggiato le persone della nostra zona a completare semplici esercizi. È stato bello vedere le persone sorridere dopo averli completati. I colleghi erano entusiasti di migliorare la loro forma fisica. Sono sicuro che vedremo lo stesso entusiasmo durante la DFC quest'anno.

Se non fossi nel settore benessere, che lavoro vorresti fare?

Sono nel settore benessere da oltre 25 anni e ho amato ogni istante del mio lavoro. Mi piace implementare costantemente il concetto di benessere e non smetto mai di imparare, grazie a libri, podcast e seminari.

Cosa fai dopo il lavoro?

Vado in palestra regolarmente. Quando fa troppo caldo, vado in bici sulla pista ciclabile di Al Qudra. Adoro anche la tecnologia, quindi, quando non mi alleno, mi puoi trovare a pilotare il mio drone o a girare brevi video dei viaggi che faccio con mia moglie.

Reshma Patricia Monteiro

Quando sei entrata a far parte di Emirates e con che ruolo?

Sono entrata a far parte del gruppo il 3 aprile del 2004 come addetta al check-in.

Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni finora?

Ho lavorato per la compagnia aerea migliore al mondo negli ultimi 14 anni e ho amato ogni singolo momento del mio lavoro. Ho avuto l'opportunità di lavorare in vari reparti dei servizi aeroportuali: dal check-in all'imbarco, al Banco trasferimenti, al centro di controllo e ora all'assistenza a terra.

Quali sono gli incarichi di un agente di rampa?

Supervisioni tutte le attività di arrivo e partenza degli aeromobili Emirates e Qantas a Dubai. Questo include lo sbarco e l'imbarco dei passeggeri, il carico e lo scarico di merci e bagagli, la pulizia e la fornitura dei pasti, lo scarico dei bagagli dei clienti arrivati in ritardo al gate e il ritiro dei finger. Apporto inoltre modifiche dell'ultimo minuto al piano di carico, che viene consegnato al comandante prima che l'aeromobile sia pronto per il decollo. Il mio compito è inoltre quello di garantire che i nostri aeromobili rispettino i protocolli di sicurezza, in conformità con le procedure stabilite da Emirates e gli Aeroporti di Dubai.

Raccontaci del Dubai Airports’ Customer Service Award (ACE) che hai da poco ricevuto.

Ho ricevuto questo premio per l'assistenza fornita a una cliente di 77 anni che ha fatto scalo a Dubai prima di prendere il volo per Budapest. Il suo piede era particolarmente gonfio e aveva bisogno di ricevere immediatamente assistenza medica. La donna parlava solo ungherese ed era molto preoccupata. I colleghi dell'equipaggio di cabina sono riusciti a farla scendere dall'aereo, ma lei, agitatissima, si è rifiutata di salire sull'ambulanza. Così ho chiamato l'unica agente di rampa ungherese del dipartimento, la quale era in ferie, e le ho chiesto di spiegare la situazione alla signora. Dopo due ore siamo riusciti a calmarla e a trasferirla nell'ambulatorio medico aeroportuale. Ha preso il volo per Budapest il giorno successivo. Per garantirle un'assistenza speciale, abbiamo subito informato il personale di cabina.

Quali sono le sfide che devi affrontare sulla rampa e in che modo le affronti?

La più grande sfida include le condizioni metereologiche, specialmente durante il periodo estivo. Mi assicuro sempre che tutti i miei colleghi, me compresa, beviamo abbastanza acqua per idratarci durante il turno.

Cosa ti piace fare durante il tempo libero?

Mi piace ascoltare musica e ballare. Questi hobby mi aiutano a rilassarmi e a godermi un po' di riposo.