Informazioni sull'accessibilitàPassare al contenuto principale

Nell'ottobre del 1985, Emirates inaugurò le sue prime rotte con voli da Dubai diretti a Delhi e Mumbai, le prime due destinazioni della rete. Da allora, abbiamo aumentato gli investimenti e incrementato progressivamente le nostre operazioni in India. Attualmente, offriamo 172 voli settimanali per l'India, per nove destinazioni: Ahmedabad, Bengaluru, Chennai, Delhi, Hyderabad, Kochi, Kolkata, Mumbai e Thiruvananthapuram.

Per ulteriori informazioni sulle attività di Emirates, consultate il nostro documento informativo Emirates e l'India(Apre un PDF in una nuova scheda).

L'impatto economico dei voli Emirates

Uno studio del 2012 del Consiglio Nazionale delle Ricerche Economiche Applicate (NCAER), la principale istituzione indiana specializzata nella ricerca di politiche economiche, delinea l'impatto dei servizi di Emirates sull'economia indiana e i vantaggi che i servizi aggiuntivi potrebbero offrire.

Si tratta di un'analisi obiettiva delle nostre operazioni in India, la destinazione Emirates più importante a livello internazionale, con 176 voli settimanali. La NCAER ha evidenziato che le nostre operazioni portano a un aumento del PIL di 596 milioni di dollari, garantiscono oltre 72.000 posti di lavoro in India e generano 1.153 miliardi di dollari nelle entrate in valuta estera. Nell'analisi approfondita, la NCAER quantifica il nostro contributo all'economia indiana e il valore dei collegamenti globali, stimando anche i vantaggi che si avrebbero abolendo le attuali restrizioni relative alla capienza e alle destinazioni servite.

Scaricate il rapporto "Emirates in India: valutazione dell'impatto economico e dei vantaggi nella regione" PDF (1.43 MB)(Apre un PDF in una nuova scheda)

Nel 2014, le autorità aeronautiche dell'India e degli Emirati Arabi Uniti hanno affrontato il tema della capienza, già discusso nel 2008. Grazie a questo accordo, i vettori con sede a Dubai hanno ottenuto 11.000 posti in più a settimana. Nel 2015 la NCAER ha redatto un altro studio che stima il valore economico dato dall'aumento dei posti e i potenziali fattori di crescita bilaterali. Le analisi più recenti elaborate da NCAER hanno dimostrato che, introducendo 6.000 posti a settimana, le nostre attività porterebbero a un aumento del PIL di 848,6 milioni di dollari, garantendo oltre 86.000 posti di lavoro.

Scaricate il rapporto "Le attività di Emirates in India" PDF (0.64 MB)(Apre un PDF in una nuova scheda)

Connettività globale

Dei 5,5 milioni di passeggeri che hanno viaggiato da o verso l'India con Emirates nel 2017, l'88% ha viaggiato da Dubai o altre città incluse nella rete Emirates che attualmente non sono servite da vettori indiani. Confrontando le reti delle compagnie indiane, Emirates opera in 24 destinazioni, solo il 12% del traffico nazionale.

Una pubblicazione della Oxford Economics del 2011, "Vantaggi economici del trasporto aereo in India", ha rilevato che l'India si è classificata al 45° posto nei suoi collegamenti aerei e che un incremento del 10% nella connettività avrebbe portato a un aumento del PIL di 783 milioni di dollari. Da gennaio 2012, abbiamo lanciato oltre 30 nuove destinazioni in tutto il mondo, 24 delle quali sono punti di collegamento da e per l'India. Di queste 24 destinazioni, solo una è attualmente servita da vettori indiani, fattore che rafforza l'importanza della relazione tra Emirates e l'India.

Un Partner commerciale

Nel 2017, abbiamo trasportato oltre 338.000 tonnellate di merci, il 59% delle quali da o verso aeroporti non hub, concentrandoci soprattutto su sei destinazioni dell'India meridionale, a vantaggio delle economie regionali. Uno studio della Oxford Economics del 2011 ha inoltre mostrato che il 65% del trasporto aereo indiano si è concentrato sulla regione MENA (34%) e sull'Europa (31%), dove la nostra rete offre oltre 100 voli giornalieri in entrambe le direzioni.

Un Partner commerciale

Fonte: Governo dell'India, Dipartimento del Commercio

Una crescita nel mercato

L'attuale accordo bilaterale con l'India prevede limiti sulla capienza dei nostri voli, aumentata solo dello 0,9% dal 2012.

Nel 2017 i servizi di Emirates in India hanno operato con una media del fattore di riempimento dell'86%.

L'analisi dell'NCAER relativa al nostro traffico passeggeri 2013/14 su tratte indiane mostra che il numero dei passeggeri è rimasto invariato rispetto all'anno precedente, con un calo del 2% su base annua. Con l'accordo bilaterale stipulato tra il 2008 e il 2013/2014 non vi è stata alcuna modifica ai limiti di capacità dei vettori EAU; siamo certi, però, che l'inserimento di voli aggiuntivi avrebbe arrecato enormi vantaggi agli aeroporti e ai passeggeri.